Giardinoweb

Buongiorno cari amici da Andrea.

Per molte piante da frutto la stagione estiva e in particolar modo il mese di agosto, rappresenta il passaggio dallo stato produttivo di pieno carico a quello di stasi che segue il raccolto. Scaricata dei frutti, una pianta in gran parte compiuto il proprio ciclo e deve soltanto superare il caldo. Per poi prepararsi al riposo invernale.



                                                          Quattro casi particolari

Dopo il raccolto, il ciliegio affronta la stagione estiva e non sempre riesce a superare senza difficolt√† il periodo caldo. Per capirlo basta osservare il portamento decombente delle foglie, talvolta anche il loro ingiallimento fuori stagione. La pianta per fruttificare con forza il prossimo anno, senza andare soggetta al fenomeno dell'alternanza, dovr√† essere aiutata e, una buona irrigazione, anche se i frutti non sono pi√Ļ presenti, √® di certo gradita.

Il kiwi richiede di essere bagnato poco, perché teme i ristagni d'acqua, ma di frequente, anche tutti i giorni in estate. Le irrigazioni devono essere sospese dopo una pioggia e riprese quando la pianta mostra i primi segni di carenza che si evidenziano con una variazione dell'angolo di inserimento delle foglie che tende a ridursi, così che la pianta sembra meno voluminosa. Si irriga fino al termine del raccolto.

frutti

Il pomodoro richiede di essere irrigato con regolarit√†. Una carenza idrica prolungata porta all'avvizzimento e al disseccamento delle parti verdi pi√Ļ giovani.Una carenza idrica leggera porta a una minore produzione. Per ottenere i migliori risultati si deve poter irrigare i pomodori tutti i giorni o, al massimo, ogni due giorni. La quantit√† d'acqua distribuita non deve mai essere eccessiva. Meglio irrigare con parsimonia, bagnando il terreno ogni giorno, senza inzupparlo.

Lo zucchino è una pianta esigente in fatto di acqua, sia per la quantità, sia per la qualità. Le bagnature devono essere costanti così da mantenere il terreno sempre fresco, non fradicio, ma leggermente umido. A inizio fruttificazione il fabbisogno aumenta di molto. Bagnature insufficienti portano alla formazione di frutti anomali. Bagnature irregolari, per esempio alternando grandi innaffiature a periodi di carenza, inducono un precoce stato di senescenza della pianta. Importante è la temperatura dell'acqua impiegata, che non deve essere fredda, perché può causare arresti nello sviluppo, specie in piante giovani. L'ideale è poter disporre di un deposito ben esposto al sole da cui attingere. Si bagna sempre al piede e ridurre l'umidità sulle foglie.

frutti

 

 Visita la pagina Instagram e il canale YouTube  di GIARDINOWEB.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.