GiardinoWeb

La natura ci stupisce ancora e ancora, sbocciano dei fiori particolarmente delicati in un momento in cui le gelate notturne e le nevicate non sono rare. Già a febbraio, accanto ai bucaneve, i primi crochi aprono i loro boccioli che andranno a formare graziose macchie di colore viola, bianco e giallo nei prati. Il genere crochi (Crocus) è particolarmente ricco di specie. Delle oltre 90 conosciute, nonché delle loro sottospecie e ibridi, che prosperano in Europa, Asia Minore e Nord Africa, solo alcune sono coltivate nei nostri giardini. Tuttavia, loro e le loro varietà offrono una scelta sufficiente per dare un caloroso benvenuto alla primavera.

La stagione della fioritura inizia con le varietà dei crochi botanici, e le loro varietà apriranno la danza dei fiori sin da febbraio. Questi includono specie come il croco elfico, il broccato d'oro, il croco laccato caucasico e d'argento. Di solito hanno il fiore più piccolo rispetto alle diverse varietà di crochi primaverili (Crocus vernus), che compaiono da marzo ad aprile, ma ciò che accomuna tutte le specie è la loro robustezza. Non sono necessarie ulteriori cure dopo la semina autunnale dei tuberi rotondi dalle dimensioni di una nocciola. Scegli una posizione soleggiata, perché se il luogo è troppo ombreggiato, la fioritura risulterà davvero modesta. Il Croco preferisce un terreno ben drenato, umido in primavera e piuttosto secco in estate. Affinché fiorisca, è anche importante rimuovere le foglie dopo la fioritura solo quando sono diventate gialle, in modo che i crochi possano immagazzinare i nutrienti e quindi avere abbastanza forza per propagarsi creando dei piccoli bulbi affinchè questi andranno ad assicurare l'esistenza di una generazione futura che aumenterà di anno in anno

Crocus
Consigli
Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.