Giardinoweb

Buongiorno cari amici!

A prima vista ci stupirà per la sua rusticità, ma ad una osservazione più ravvicinata ci accorgeremo della sua eleganza.

La sua compattezza e le piccole foglie lucide di colore verde smeraldo la rendono una pianta molto affascinante.

La sua grande forza sono tuttavia i piccoli profumatissimi fiori bianchi, simili a gelsomini, che si trasformano in decorative bacche rosse.

La Carissa grandiflora, originaria del Sudafrica, è un arbusto sempre verde che appartiene alla famiglia delle Apocynacee.

Può raggiungere i 9 m di altezza se coltivata in piena terra, invaso cresce molto meno.

Ha foglioline di 3-4 cm di colore verde lucido e fiori bianchi e rosati di 5 cm molto profumati.

Fiorisce per tutta l'estate e ai fiori seguono bacche ovoidali di colore rosso grande fino a 5 cm molto decorative e pure commestibili, sebbene insipide.

I rami sono forniti di robuste spine.

Ne esistono anche varietà inermi, varietà striscianti e varietà con foglie variegate.

la carissa

In Italia possiamo coltivarla all'aperto in piena terra in tutte le regioni a clima mite.

Utilizziamola, come in Sudafrica, per creare siepi belle e impenetrabili oppure piantiamola in un'aiuola vicino alla casa per godere del suo profumo, delicato di giorno, intenso e penetrante la sera.

Nelle altre zone d'Italia coltiviamola in vaso, portiamola in casa in inverno e utilizziamola come pianta da appartamento, al pari di una gardenia.

Vuole sole o mezz'ombra, un terreno fertile e ben drenato e concimazioni saltuarie.

Resiste bene anche alla siccità.

Se cresce troppo non esitiamo a tagliare i rami giovani dai quali otterremo facilmente piccole piante.

E'una pianta di facilissima coltivazione al sud.

la carissa

 

 

 

 Visita la nostra pagina Instagram e nostro canale youtube  di GIARDINOWEB.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.