GiardinoWeb

Originaria della calda e secca foresta del Natal, in Sudafrica, è parente stretta dell'Amaryllis. Ha belle foglie nastriformi, lunghe, incurvate verso l'esterno, di colore verde scuro (ma esistono anche varietà rigate in bianco) che si formano direttamente dalle radici. Produce in primavera uno stelo eretto che porta alla sommità 10-20 fiori di colore rosso-arancio o di altre tonalità nelle varietà orticole da collezione. Questa specie sempre verde e longeva (dura molti anni) ama i luoghi protetti ma non troppo caldi.

 

Clivia

La Clivia, ama vivere in vasi profondi e capienti, in ombra o sole di prima mattina e in tardo pomeriggio (evitare il pieno sole, danneggia il fogliame). I fiori durano solo pochi giorni ma si aprono gradualmente per un lungo periodo di splendore; le foglie sono comunque molto eleganti anche quando la pianta non è in fiore. Da aprile a settembre apprezza una concimazione quindicinale, da effettuarsi con un prodotto per piante verdi diluito nell'acqua di irrigazione; nel periodo della formazione dei boccioli conviene un prodotto per piante da fiore. I lucidanti fogliari sono sconsigliati: meglio pulire le foglie con un panno umido.Da maggio a ottobre la Clivia gradisce vivere all'aperto in luogo ombreggiato e riparato dal vento.

 

 

Clivia variegata

La Clivia si rinvasa in marzo, ogni due-tre anni al massimo, quando il fogliame fitto e le radici escono dal vaso: trasferitela in un contenitore di una misura in più, dotato di ottimo drenaggio. In alternativa, svasate la pianta per rinnovare il terriccio superficiale. Moltiplicate la Clivia per divisione dei rizomi, al momento del rinvaso di un esemplare invecchiato, prelevando una porzione di rizoma con germoglio; l'attecchimento è rapido, tenendo il vaso con il germoglio in piena luce.

Consigli
by:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *