GiardinoWeb

Di questa stagione, e di questi tempi, gli atri interni e i balconi dei condomini cominciano a regalare piene, traboccanti visioni fiorite: gerani, petunie, begonie, piante da pochi euro, capaci però di far sorridere anche i balconi più tristi.

Sicuramente anche il fatto di passare più tempo in casa, si fa strada il balconaggio o il giardinaggio condiviso, ovvero il socialissimo piacere di prendersi cura delle piante insieme.

Tutto nasce spontaneamente, a volte non servono neppure le parole, si passa subito all'azione: la pianta del vicino al sete, la si bagna.

Poi c'è lo scambio di informazioni sul concime, il regalo di una talea, la passeggiata da cui uno ritorna con dei semi da regalare.

Balconaggio

L'entusiasmo di uno contagia l'altro,  intanto si fa amicizia, ci si conosce, si scopre che il nonno del terzo piano ha il pollice super verde e una collezione di Crassulaceae (piante grasse) fantastica.

Pian piano il palazzo diventa più verde, più fiorito, nascono e crescono condivisione, solidarietà, socialità.

In questo modo, possono nascere dei meravigliosi giardini condominiali, come già accade nelle grandi città come Milano, mettendo in comune le proprie capacità.

Questa è la forza di saper condividere il proprio hobby e del poco tempo che ognuno di noi ha, permettendo però di realizzare dei veri paradisi per umani e uccelli.

Balconaggio
Consigli
by:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *