Coltivare More Deliziose nel Tuo Giardino

Varietà e Cure” 🌱🍇

Ciao amici di Giardinoweb! Oggi voglio parlarvi delle meravigliose more, conosciute anche come Rubus fruticosus. Nel commercio esistono circa trenta varietà di queste piante, la maggior parte delle quali sono prive di spine. Tra le più comuni, troviamo la ‘Thornfree’, famosa per la sua crescita rapida e la generosa produzione di frutti succulenti.

Le more possono essere piantate tra ottobre e novembre o tra febbraio e marzo, preferibilmente in un terreno da giardino normale, idealmente in un terreno ricco e profondo. Tra le varietà disponibili, ci sono alcune come la ‘Géante des Jardins’, una pianta vigorosa che può raggiungere rapidamente i 5 metri di altezza e 2,5 metri di larghezza, producendo abbondanti more grandi e dolci. Poi c’è la ‘Jumbo’, che cresce più lentamente ed è più adatta ai piccoli giardini, ma offre comunque molti frutti grandi dal sapore leggermente acidulo. Infine, c’è la ‘Little Black Prince’, una varietà compatta che può persino essere coltivata in vaso per gustare le more direttamente dal proprio balcone!

Per quanto riguarda la coltivazione, è importante piantare le more in una posizione soleggiata o a mezz’ombra. A seconda della varietà, tre o cinque piante sono sufficienti per ottenere una generosa raccolta. Le varietà più vigorose richiedono un supporto solido su cui far crescere i loro rami. Ad esempio, potete piantarle ai piedi di un muro o di una pergola. Fate delle buche che siano almeno tre volte il volume della zolla e posizionate le piante a una distanza di 2-3 metri l’una dall’altra. Installate delle linee di filo lungo il supporto sin dalla piantagione, poiché una volta che i rami cresceranno, questa operazione diventerà più complicata.

In breve, ecco alcune linee guida:

  • Esposizione: Sole o mezz’ombra
  • Periodo di piantagione: Febbraio-marzo o ottobre-novembre
  • Tipo di terreno: Normale e ben drenato
  • Periodo di fioritura: Maggio-luglio
  • Periodo di raccolta: Agosto-ottobre

Queste piante sono piuttosto robuste, ma possono diventare incontrollabili se non vengono curate. La principale cura da prestare è la potatura annuale per limitare la crescita e favorire la produzione di frutti. Verso la fine dell’autunno, a partire dal secondo anno dopo la piantagione, tagliate i rami che hanno già prodotto i frutti e conservate solo cinque o sei rami principali per dare spazio alle giovani piante che porteranno frutti l’anno successivo.

La buona notizia è che queste piante non richiedono molta acqua e non hanno bisogno di fertilizzanti. Inoltre, sono resistenti alle malattie e agli insetti dannosi, quindi non dovete preoccuparvi troppo. Il vostro unico compito sarà raccogliere i frutti quando sono ben maturi, tra agosto e ottobre, a seconda della varietà.

Quindi, se state pensando di aggiungere un po’ di sapore al vostro giardino, le more potrebbero essere la scelta perfetta. Buona coltivazione e buon appetito con le vostre deliziose more! 🌱🍇

Share this article
Shareable URL
Prev Post

Davallia: La Felce che che mi ha conquistato

Next Post

La golosa Crostata di More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read next

La vite

Si perde nella notte dei tempi la «scoperta» della vite da parte dell'uomo, una pianta che ormai fa parte del…

Il Melograno:

In questo articolo, esploreremo tutto ciò che c'è da sapere sul melograno e come coltivarlo con successo nel tuo…