Giardinoweb

 (Alcea rosea), popolarmente conosciuta anche come malvarosa,

appartiene alla famiglia delle malve, imparentata lontanamente con la malva selvatica.

Proviene probabilmente dal bacino del Mediterraneo orientale ed era usata  come medicinale e come ortaggio. Essendo una pianta ornamentale poco impegnativa, la malvarosa inizialmente  è entrata a far parte dei giardini cottage ma nel 19° secolo fu quasi sterminata dalla ruggine della malva, sebbene questo temuto fungo sia ancora oggi un problema per gli appassionati di questa pianta.

La varietà di colori spazia dal bianco puro ai toni pastello, gialli, rossi e viola ai toni nero-viola. I fiori vellutati  con la loro abbondanza di polline sono una vera calamita per bombi e le api. Tuttavia, questo vale solo per le varietà a fiore singolo, mentre gli stami delle cultivar a fiore doppio sono poco o per niente sviluppati. La pianta prospera meglio in un luogo soleggiato in un terreno calcareo ben drenato, ricco di sostanze nutritive. È frugale e, grazie alle sue lunghe radici, può tollerare anche periodi di siccità. Tuttavia, è bene annaffiarla regolarmente, evitando però il ristagno d'acqua.

La Malvarosa

 Le malvarose sono piante biennali o perenni, dopo la fioritura, mettono la loro energia nella formazione dei semi e poi muoiono. Affinché i semi possano maturare, i germogli appassiti dovrebbero essere lasciati in piedi. I semi caduti a terra germinano rapidamente e formano le cosiddette rosette fogliari, che crescono solo nella seconda stagione e fioriscono da luglio a ottobre.

Se pensiamo di aiutare la pianta madre a rifiorire l'anno successivo, si consiglia di potare le foglie più basse prima della formazione dei semi. Questo accorcia il tempo di fioritura, ma la pianta fiorirà di nuovo ogni anno, purché sopravviva bene all'inverno.

Le malvarose possono resistere a temperature fino a circa -10°C, ma necessitano di una protezione invernale formata da foglie o sterpaglie se c'è il rischio di gelate.

Le varietà a fiore singolo giallo e rosso scuro sono più adatte per la potatura prima della formazione dei semi, mentre le varietà doppienon possono rifiorire più di due stagioni.

I semi possono anche essere raccolti e seminati nuovamente nei luoghi preferiti, dovrebbero essere coperti solo con 1 o 2 cm di terra e, importantissimo, non amano il trapianto, per cui dove li seminiamo li dovranno rimanere.

La Malvarosa

La semina avviene direttamente in campo in maggio e giugno fino a settembre. La distanza dovrebbe essere di almeno 40 cm, perché le malvarose non crescono solo in altezza, ma anche in larghezza e, se sono troppo strette, sono più suscettibili alla ruggine della malva. Sono particolarmente belle quando crescono in gruppi di almeno tre piante.

Le prime piantine compaiono dopo 10 giorni. Non appena le giovani foglie germogliano, i primi parassiti si stanno già godendo la pianta: le lumache amano queste foglie delicate e possono causare grandi danni.

Anche gli acari di ragno, i coleotteri, i bruchi, la pulce della malva o il toporagno amano mangiare la malvarosa.

La malattia è causata dal fungo Puccinia malvearum e provoca l'appassimento e la caduta delle foglie. Non appena compaiono i primi segni, le foglie infette vanno tagliate immediatamente e gettate nella spazzatura. Anche le foglie che sono già a terra dovrebbero essere rimosse perché il fungo può svernare su di esse e attaccare di nuovo le malvarose l'anno prossimo. Come misura preventiva durante l'irrigazione, assicurati di non bagnarle.

I petali essiccati della malvarosa hanno spiccate proprietà coloranti e possono essere utilizzati, ad esempio, per colorare alimenti - come tè e succhi o tessuti e filati. Particolarmente adatte sono le varietà con fiori dal rosso porpora al nero-violaceo come la malvarosa nera (Alcea rosea var. Nigra), che in passato veniva utilizzata per colorare i tessuti dal viola al grigio-blu, nonché bevande come il vino rosso o liquori.

I fiori della malvarosa nera possono essere utilizzati anche per dare alle tisane un colore meraviglioso. La malvarosa è anche considerata una pianta medicinale, perché contiene molte sostanze amare, mucose e minerali oltre a pectina e olio essenziale.

I fiori vengono utilizzati in erboristeria sotto forma di tisane contro la tosse, la raucedine e l'asma. Per fare questo, i fiori semiaperti vengono raccolti al mattino o alla sera e asciugati delicatamente in un luogo arioso.

 

by:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *