Giardinoweb

Buongiorno cari amici da Andrea

Vedremo con la scheda che vi ho preparato di conoscere un pochino di più il comunissimo Aglio.



L’aglio è originario dell’Asia centrale e appartiene alla famiglia botanica delle Liliaceae. È uno degli ortaggi più conosciuti e usati nella cucina di tutto il mondo anche per le sue notevoli proprietà nutrizionali e medicinali e non a caso sono numerose le leggende e le credenze nelle tradizioni popolari legate al suo utilizzo.

Diverse sono le specie commestibili appartenenti al genere Allium: di alcune si utilizza il bulbo diviso in bulbilli, come ad esempio per l’Allium sativum, il comune aglio utilizzato in cucina, o l’Allium ascalonicum, lo scalogno; di altre si utilizzano le foglie, come ad esempio per l’Allium ursinum, un aglio della flora spontanea presente in tutta Europa e nell’Asia settentrionale.

Nella cucina mediterranea viene impiegato come pianta aromatica nella preparazione di basi per soffritti, salse e sughi mentre nelle diverse tradizioni culinarie del mondo ha molteplici utilizzi e modalità di preparazione e conservazione.

Valori Nutrizionali

Le proprietà dell’aglio derivano da una combinazione di varie sostanze che insieme sono responsabili del suo effetto curativo. L’allicina, che determina l’odore pungente quando uno spicchio viene schiacciato, ha un’attività antibatterica, antiparassitaria e antivirale.

L’aglio protegge dalle malattie cardiache: è un regolatore della pressione arteriosa e presenta quindi proprietà antipertensive e antitrombotiche.

Contiene fibra, vitamina C e minerali, tra cui potassio e fosforo. Dopo averne schiacciato uno spicchio, è importante ricoprirlo con un filo di olio evo: in questo modo si evita che l’allicina possa disperdersi velocemente nell’aria, riducendo i benefici.

 

Aglio

Da Sapere

Mettendo direttamente nella terra gli spicchi di aglio germogliati – con il germoglio rivolto verso l’alto – è possibile far ricrescere una piantina da cui si svilupperà una nuova testa d’aglio nel giro di pochi mesi.

Quando le foglie della nuova pianta saranno secche, la testa d’aglio sarà pronta da raccogliere.

All’Oscar Green di Coldiretti sono state presentate idee innovative green, tra le quali la produzione del primo foglio di carta anti spreco, ricavato interamente dallo scarto dell’aglio.

Coltivazione

L’aglio può essere facilmente coltivato nell’orto domestico o in vaso sul balcone, in qualsiasi tipo di terreno e clima essendo una specie molto rustica e adattabile. L’unica attenzione è di non bagnare eccessivamente, per evitare ristagni di acqua.

I bulbilli (spicchi) vanno messi a dimora da ottobre a febbraio, a seconda delle varietà, scegliendo gli spicchi periferici, più compatti e ben formati. Il raccolto avverrà in primavera per il consumo a fresco e in estate, quando le foglie saranno secche, per le varietà da serbo.
Nel nostro orto domestico possiamo piantare l'aglio vicino alla Lattuga, ravanello, spinacio e carota.

 

Aglio

 

 Visita la pagina Instagram e il canale YouTube  di GIARDINOWEB.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.